Fotografare l’architettura – Lezione quattro

Buongiorno a tutti, ci teniamo a ringraziarvi ancora una volta per la vostra presenza e la calorosa partecipazione a questo percorso a cui teniamo davvero molto. L’intento di questo corso come sapete è quello di avvicinare quante più persone possibili a questo particolare ed intrigante genere fotografico, quello rappresentato dalla fotografia d’architettura. Ma lasciamo ora la parola al Prof. Luigi Alloni che con questa quarta lezione, ci spiega come realizzare una buona composizione fotografica, nel caso specifico in cui fosse nostro intendimento riprodurre un’immagine sfruttando i riflessi creati dall’elemento architettonico su una delle possibili superfici riflettenti, naturali o artificiali. Ancora una volta ringraziamo il Professore per l’estrema disponibilità dimostrata e il coraggio non comune di sapersi mettere in gioco misurandosi con un’impresa così complessa. Buon lavoro a tutti!!!

 

school_lezione_4Abbiamo spesso ribadito, nella scuola ma anche in altri articoli del blog, che non è necessario trovarsi in luoghi ricchi di spunti fotografici piuttosto che in luoghi rinomati per produrre una buona fotografia. Spesso infatti, a ben guardare, anche nelle nostre città possiamo trovare degli spunti interessanti che se notati, studiati e ripresi nella dovuta maniera possono restituirci un risultato inaspettato ed interessante. Uno dei più particolari, fascinosi ed artistici modi di riprendere un soggetto architettonico è senza dubbio rappresentato da quello che sfrutta le superfici riflettenti per riprodurlo, qualunque esse siano.

Lezione Quattro

A seconda di quello che la nostra fantasia ci suggerisce in quel momento e di quello che il nostro occhio ha catturato e deciso di riprodurre, potremmo decidere di includere nella composizione:

  1. Il soggetto architettonico e anche il suo riflesso;
  2. Solo il riflesso escludendo il soggetto architettonico;
  3. Tutto il riflesso e solo parzialmente il soggetto architettonico;

1. COMPORRE L’IMMAGINE CON IL SOGGETTO ARCHITETTONICO E IL SUO RIFLESSO – In questo caso, il riflesso rappresenta un arricchimento della composizione dell’immagine, una volta trovato quindi un soggetto architettonico interessante che si specchia in una qualsiasi superfice riflettente, dovremo solo utilizzare alcune accortezze tecniche per ottenere un risultato degno di nota.

  • Composizione: La composizione in questo caso, non dovrà tenere strettamente conto della regola dei terzi, ma essere basata essenzialmente sul giusto bilanciamento fra il soggetto ed il suo riflesso, in maniera tale che entrambi occupino la stessa porzione di immagine.
  • Messa a fuoco: L’ideale circa la messa a fuoco in questo caso, è senza dubbio rappresentato da una immagine riprodotta utilizzando un diaframma molto chiuso in grado di garantire quella profondità di campo che sia funzionale ad ottenere il fuoco su entrambe le parti della composizione, soggetto e suo riflesso. Se invece vi trovaste in un’ambientazione notturna, dovrete necessariamente usare un cavalletto e dei tempi più lunghi proprio per compensare la chiusura del diaframma, se invece foste in ambientazione diurna ma con forte squilibrio di luce fra il soggetto architettonico ed il suo riflesso, dovuto ad un ora impropria che crei una luce difficilmente gestibile, potrete ovviare utilizzando le tecniche già trattate nella seconda lezione  per esporre correttamente entrambe le parti della composizione, soggetto e riflesso.
556070_3348724631840_1054356936_n
La Ciudad de las Artes y las Ciencias Valencia – Nell’immagine di Luigi Alloni troviamo un efficace esempio della ripresa di un soggetto architettonico e del suo riflesso.

2. COMPORRE L’IMMAGINE CON IL RIFLESSO, ESCLUDENDO TOTALMENTE O PARZIALMENTE IL SOGGETTO ARCHITETTONICO – In entrambi i casi potrete sbizzarrirvi nell’immaginare, pensare e produrre una bellissima immagine di tipo artistico, astratto e che sia evocativa o suggestiva. Infatti, se la superficie riflettente fosse un corso d’acqua, potreste sfruttare i naturali movimenti dell’elemento acqua, associati a dei tempi un pochino più lunghi. Da escludere però le lunghe esposizioni, per riprodurre il soggetto donandogli quella caratterizzazione pittorica. Potreste invece optare per una riproduzione più fedele e precisa, sfruttando superfici riflettenti ma non fluttuanti come specchi d’acqua immobili, vetrate, pavimentazioni lucide, pozzanghere e via dicendo. Interessanti sono infatti anche quelle immagini in cui una pozzanghera costituisca la cornice della nostra composizione o quella in cui si decida di renderla astratta sfruttando una superficie riflettente costituita da una vetrata di un altro elemento architettonico posto nelle vicinanze.

  • Messa a fuoco: In questo caso la messa a fuoco dovrà essere assolutamente rivolta al riflesso. Se il movimento dello specchio d’acqua costituente la superficie riflettente dovesse impedire un uso corretto dell’autofocus, si consiglia l’uso della messa a fuoco manuale. Lo stesso dicasi per le superfici riflettenti di tipo specchiato.
  • Composizione: In questo caso, se stessimo riprendendo solo il riflesso, bisognerà comporre l’immagine secondo la regola dei terzi, stessa cosa se volessimo invece riprendere parzialmente il soggetto architettonico e il riflesso intero; capita sovente nelle rappresentazioni di tipo artistico. In quest’ultimo caso, faremo attenzione a porre nel terzo superiore la porzione del soggetto architettonico ripresa e negli altri due terzi il suo riflesso.

Ecco alcuni esempi di composizione giocata prevalentemente sul soggetto architettonico riflesso su diverse tipologie di superfici riflettenti.

Si raccomanda, per ottenere un’immagine che sia la più corretta possibile, di sfruttare le ore della giornata in cui la luce sia il meno forte possibile. Quindi le prime ore della giornata così come quelle dell’ora blu. Negli altri casi, potrebbe venirci in aiuto l’utilizzo di un polarizzatore.  Insomma, davvero con un po’ di fantasia ed immaginazione si possono realizzare immagini davvero interessanti e a chilometri zero.

Esercizio

L’esercizio che vi chiedo di fare in questa settimana è il seguente: Caricate nel gruppo Scuola  in un unico post due immagini. La prima dovrà includere nella composizione il soggetto architettonico e il suo riflesso, la seconda invece escluderà dalla composizione il soggetto architettonico totalmente o parzialmente, dando preponderanza al suo riflesso. Per eseguire l’esercizio utilizzerete i consigli elencati nella presente lezione, tenendo sempre in considerazione le fondamentali regole per una buona fotografia di architettura che abbiamo già trattato nelle precedenti lezioni. A corredo delle immagini, nel post indicate anche i dati exif. Grazie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...